Il friuli non ama i casino online

Il Friuli fa subito parlare di sé con la prima legge che tratta di ludopatia e di limitazione ai casino online in modo completo. Era ormai tempo che si parlava di un fenomeno che deve essere combattuto e di persone che devono essere aiutate e il Friuli è stata la prima Regione a darsi realmente una mossa in questo senso. Una regione piccola come il Friuli Venezia Giulia da l’esempio con un disegno di legge molto interessante relativo al tema della ludopatia che potrebbe portare ad innovazioni significative per il gioco dal vivo e anche quello online. Un fenomeno pericolosamente crescente come quello delle dipendenze da gioco non può più essere ignorato visto che risulta in continuo aumento e non si sono fatti passi in avanti in questo senso. Una legge ad hoc è quello che serve a livello regionale e forse a anche a livello statale. Sono stati Roberto Asquini e Luigi Ferone ha presentare un progetto di legge che possa tutelare i giocatori con problemi di gioco e le misure di intervento necessarie per aiutare questi soggetti e le famiglie. Secondo Ferone la Regione deve aiutare attraverso interventi mirati, al contrasto del gioco patologico e sono due gli interventi che dovrebbero essere fatti. Prima di tutto il sostegno regionale alle associazioni no profit sul territorio e a tutte le associazioni culturali nel settore per l’aiuto delle famiglie con giocatori ludopatici e il secondo intervento deve essere invece fatto proprio sui locali da gioco. Con questo progetto di legge l’idea è quella di installare cartelli che avvertano dei possibili problemi derivanti dal gioco e le patologie pericolose nascoste dietro al gioco. Un’idea non nuova e già applicata con alcol e tabacchi, con risultati discutibili a dire il vero, però la differenza è che ci sarà un indicazione chiara verso le strutture alle quali rivolgersi in caso di necessità. Sarà la Regione a dover creare una lista accurata dei centri ai quali rivolgersi e saranno inoltre proposte sanzioni per quegli esercizi che non mostreranno questi avvertimenti nel locale.

I commenti sono chiusi.